Decreto legge 13 marzo 2021. Gli Agenti di Commercio possono proseguire nello svolgimento della loro attività

 Il decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30 e il dpcm 2 marzo 2021 hanno disposto l’applicazione di misure restrittive per il contenimento del contagio da COVID-19.

Dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021, nel Lazio si applicano le disposizioni previste per le zone rosse.

Le restrizioni previste per le zone rosse, si applicheranno anche nelle giornate del 3, 4 e 5 aprile 2021.

Da lunedì 15 marzo 2021 in base alle Ordinanze del Ministero della Salute del 5 marzo 2021, del 12 marzo 2021, del 13 marzo 2021 e del 27 febbraio 2021, sono ricomprese:

  • nell'area bianca: Sardegna;
  • nell'area gialla: Calabria, Liguria, Sicilia, Valle d’Aosta;
  • nell'area arancione: Abruzzo, Toscana, Provincia Autonoma di Bolzano, Umbria;
  • nell'area rossa: Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia di Trento, Puglia, e Veneto.

 Le ultime faq del governo chiariscono alcuni dubbi     sul nuovo dpcm riguardo anche le attività consentite in zona rossa.

 Gli Agenti e Rappresentanti di Commercio possono proseguire nello svolgimento della loro attività in tutte e tre le zone.

Anche questo provvedimento invita a limitare il più possibile gli spostamenti salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero motivi di salute.


Ciò posto, per comprovare le esigenze lavorative ed evitare eventuali fraintendimenti con le forze dell'ordine, suggeriamo che l'agente di commercio porti con se:

  • una copia del modulo di autodichiarazione(clicca qui per scaricarlo) obbligatoria e necessaria per tutti gli spostamenti.
  • unavisura camerale, quale documento che certifica l'attività di agente e da cui si desume il proprio codice ateco
  • copia del contratto di agenziada cui si evinca il rapporto di agenzia e la zona di competenza
  • come extrema ratio una agenda, anche elettronica, che comprovi gli appuntamenti fissati.

 

Per la tutela della salute di tutti, vi consigliamo di rispettare le disposizioni anti contagio (mascherine, guanti, gel igienizzante e distanza di sicurezza etc.) applicate da parte delle strutture con cui ci si interfaccia.