Notizie

Ricordiamo, per chi non l’avesse già fatto, che entro il 30/06/2021 andavano pubblicati i contributi pubblici ricevuti per l’anno 2020. Solo per quest’anno è prevista la proroga al 31/12/2021.

Facciamo chiarezza sul punto e riprendiamo quanto già comunicato precedentemente.

Quali sono i soggetti che hanno l’obbligo di pubblicizzare gli aiuti ricevuti?

  • Enti non commerciali, con riferimento all'entità delle erogazioni pubbliche da pubblicare sui propri siti internet o analoghi portali digitali entro il 30 giugno di ogni anno
  • Società cooperative (incluse le cooperative sociali)
  • Imprese soggette all'obbligo di iscrizione nel Registro delle imprese, in relazione all'entità delle erogazioni pubbliche percepite
    • Società di Capitali (Spa...

Notizie

In occasione delle prossime festività natalizie gli uffici della Confesercenti Roma rimarranno chiusi venerdì 24 dicembre, venerdì 31 dicembre e venerdì 7 gennaio.

  

Confesercenti Roma augura Buone Feste!

Ieri pomeriggio (ndr mercoledi 15 dicembre) presso la sede della Confesercenti, si è insediato il nuovo coordinamento Impresa Donna della Confesercenti di Roma e del Lazio.

Alla presenza di numerose imprenditrici di varie categorie e dei territori del Lazio, della Coordinatrice Nazionale Impresa Donna Luisa Barrameda e del Presidente Confesercenti Valter Giammaria, è stata eletta all’unanimità come Presidente Claudia Torrisi, radicata e stimata imprenditrice di Roma titolare di 2 gallerie...


L’indagine Swg per conto della Confesercenti: i dati sui consumi natalizi nell'area di Roma e Lazio
Seppur registriamo una moderata ripresa che sarà trainata dalle tredicesime, questa è decisamente ancora sotto al 2019: nel periodo natalizio ci aspettiamo di rilevare un 15% in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno pre-pandemico.
Occorre considerare che il Natale pesa per un 25/30% sui bilanci annuali delle aziende e molte di queste chiuderanno l'anno con un 25% circa di fatturato in meno...

Confesercenti: accanimento inutile, dal 2014 ad oggi Pos nelle imprese quasi raddoppiati (+90%), per favorire ulteriormente l’uso di carte e bancomat più utile esentare piccole transazioni sotto i 50 euro  

L’introduzione di sanzioni per chi non accetta pagamenti in moneta elettronica di qualsiasi importo è del tutto inopportuna: il peso delle commissioni, in particolare sui piccoli pagamenti, è ancora troppo elevato. Proprio per questo più di un esecutivo, negli anni recenti, aveva promesso...