Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Area Formazione Scontrino con insulti a gay, Fiepet Confesercenti Roma: fatto gravissimo. Necessario introdurre il bollino di qualità per i pubblici esercizi
consulenza on line
Scontrino con insulti a gay, Fiepet Confesercenti Roma: fatto gravissimo. Necessario introdurre il bollino di qualità per i pubblici esercizi PDF Stampa E-mail
Lunedì 23 Luglio 2018 15:22

La Federazione italiana esercenti pubblici e turistici di Roma esprime solidarietà alla coppia gay derisa al ristorante e“condanna di ogni forma di discriminazione o azione lesiva della dignità”, chiedendo di “istituire il bollino di qualità per i pubblici esercizi”.

scontrino

Fiepet Confesercenti Roma infatti “si unisce al Campidoglio e in particolare all’assessore allo sviluppo economico, turismo e lavoro di Roma Capitale Carlo Cafarotti, nell’esprimere solidarietà alla coppia di fidanzati omosessuali,vittima di un gravissimo episodio di omofobia”, lo scorso 19 luglio a Roma nella Locanda Rigatoni, in zona San Giovanni.

Secondo quanto denunciato da uno dei due, ordinando dei primi, lui e il fidanzato hanno chiesto di sostituire del pecorino con del parmigiano e – ricorda la Fiepet – alla fine della cena, quando è arrivato lo scontrino, hanno trovato la scritta “No pecorino Sì frocio”. Alla richiesta di spiegazioni, il cameriere avrebbe minimizzato l’accaduto, deridendoli e senza mai chiedere scusa. Il cameriere sarebbe stato licenziato, ma “si stanno valutando anche eventuali sanzioni per lo stesso ristorante con la possibile richiesta di revocare la licenza al titolare”.

“Condanniamo anche noi con Roma Capitale ogni forma di discriminazione o di azioni che possano ledere la dignità e la libertà di una persona, perché episodi del genere offendono anche il lavoro di tantissimi esercenti che lavorano con professionalità per offrire prima di tutto un servizio di qualità e di competenza”, ha dichiarato Claudio Pica, presidente Fiepet Confesercenti, aggiungendo: “Come Fiepet chiediamo che venga istituito un bollino di qualità per i pubblici esercizi, dal momento che per noi ogni giorno il ‘galateo dell’accoglienza’ è il bigliettino da visita da mostrare a ogni cliente, romano o turista, che decide di venire a mangiare in un ristorante, per continuare a mantenere viva quella tradizione che caratterizza la nostra città e i nostri prodotti di eccellenza”.

Stralcio da askanews.it

 

 


 

innova energia

logo new

export

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci