Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Area Formazione Regolamento commercio: il Comune incrementa il degrado e la sporcizia nel centro di Roma
consulenza on line
Regolamento commercio: il Comune incrementa il degrado e la sporcizia nel centro di Roma PDF Stampa E-mail
Lunedì 21 Maggio 2018 16:22

 “Se la Raggi non corregge il Regolamento pronto il ricorso al Tar e all’Antitrust”: è quanto ha deciso il 17 maggio l’Assemblea di panificatori ed A.L.V.A. (Associazione Laboratori Vicinato Alimentare) contro la delibera del Comune.

 

Con questa delibera la sindaca Raggi spinge alla chiusura circa 1.500 attività di vicinato alimentare con laboratori, nel solo centro di Roma, bruciando 10.000 posti di lavoro, mandando all’aria investimenti per oltre 200 milioni di euro, mettendo la città di fronte al rischio desertificazione di servizi alimentari essenziali, lasciando la popolazione senza servizi primari in grado di soddisfare le esigenze dei cittadini di beni di prima necessità come latte, pane , formaggi salumi, carni, consegnandola di fatto alla Disneyland del cibo dei fast food. Le potenti lobby del cibo spazzatura vogliono cacciare dal centro della città i custodi della tradizione agro alimentare romana. Niente pizza bianca romana del fornaio, niente ciriole, niente prosciutto e formaggio; solo hamburger e patatine e cibi precotti: è il futuro che la Giunta grillina sta forse inconsapevolmente consegnando ai cittadini romani.

 

Continua a leggere l'articolo tratto dal Sito Web Confesercenti

 


 

innova energia

logo new

export

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci