Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Area Formazione Privacy: regolarizza la tua azienda con Confesercenti Roma
consulenza on line
Privacy: regolarizza la tua azienda con Confesercenti Roma PDF Stampa E-mail
Venerdì 18 Maggio 2018 18:32

Il prossimo 25 Maggio 2018 entrerà in vigore il Regolamento UE/2016/679 relativo al trattamento ed alla protezione dei dati personali (altrimenti noto anche con l’acronimo GDPR). Il mancato adeguamento alle prescrizioni comporta l'applicazione di sanzioni amministrative pecuniare.

privacy

Con il Regolamento UE/2016/679 relativo al trattamento ed alla protezione dei dati personali (altrimenti noto anche con l’acronimo GDPR) che entrerà in vigore a pieno titolo il prossimo 25 Maggio 2018, la Comunità Europea ha riformato il quadro giuridico in materia di Privacy, con conseguenti “effetti di ampia portata e, sotto alcuni aspetti, notevoli adempimenti di adeguamento”.
Tutte le imprese sono chiamate a confrontarsi con il nuovo impianto normativo in quanto il trattamento dei dati personali è parte integrante delle comuni e quotidiane attività aziendali (dalla gestione delle anagrafiche clienti, alla tenuta delle scritture contabili, dalle attività di marketing rivolte alla clientela alla gestione dei dati dei propri dipendenti).

 Il nuovo Regolamento responsabilizza il titolare del trattamento, obbligandolo a valutare il rischio e la rispondenza delle proprie procedure aziendali ai principi di liceità, correttezza e trasparenza che ogni trattamento di dati deve rispettare.

Per questo, anche in assenza di dati sensibili in azienda, il nuovo Regolamento impone al titolare:

  • l’aggiornamento delle informative e del consenso al trattamento dei dati;
  • l’implementazione di misure tecniche e organizzative per potere dimostrare all’Autorità di controllo che il trattamento dei dati avviene in conformità al Regolamento;
  • la formalizzazione contrattuale della designazione del responsabile del trattamento dei dati qualora l’impresa affidi a soggetti esterni specifici trattamenti (es. consulente del lavoro, commercialista, medico competente del lavoro, ecc.). 

E laddove l’azienda effettui in maniera sistematica e ricorrente il trattamento dei dati o i dati trattati siano di natura sensibile, anche:

  • la stesura del registro delle attività di trattamento dei dati personali;
  • la designazione del Responsabile della Protezione dei Dati (RPD o, all’inglese, DPO) nei casi previsti dall’Art. 37 comma 1 lettere a), b) e c).

“Il titolare del trattamento e il responsabile del trattamento fanno sì che chiunque agisca sotto la loro autorità e abbia accesso a dati personali non tratti tali dati se non è stato istruito in tal senso dal titolare del trattamento, salvo che lo richieda il diritto dell’Unione o degli Stati membri” (art. 32 Regolamento); al momento né la normativa europea né quella italiana hanno reso obbligatori corsi di formazione in materia di Privacy ma allo stesso tempo si richiede che titolare, responsabile ed addetti alle operazioni di trattamento (dipendenti) siano formati ed effettuino trattamenti in conformità alle disposizioni del Regolamento stesso.

 Il mancato adeguamento alle prescrizioni comporta l'applicazione di sanzioni amministrative pecuniare ​fino a 10/20.000.000 eur o per le imprese fino al 4 % del fatturato

 Per affiancare le imprese nelle problematiche applicative della normativa privacy, per formare i titolari del trattamento e per verificare lo stato di attuazione della normativa privacy nei processi aziendali (si ricorda che la normativa a protezione dei dati personali non nasce con il Regolamento Europeo ma affonda le sue radici nel lontano 1996, anno in cui si iniziò a parlare di tutele privacy), Confesercenti continua ad erogare il proprio servizio di consulenza e di predisposizione di tutti i documenti necessari; il costo del servizio varia a seconda della tipologia dei dati trattati e dei trattamenti sugli stessi effettuati.

 Per qualsiasi chiarimento o richiesta di consulenza vi invitiamo a contattare Confesercenti presso le nostre sedi territoriali o presso la sede Provinciale scrivendo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Confesercenti Roma

t. 06 44250267

e. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


 

innova energia

logo new

export

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci