Notizie Flash

  1. LAZIO SENZA MAFIE: il patto sottoscritto dalle Associazioni e dalla Regione Lazio per contrastare le infiltrazioni mafiose nel tessuto economico e sociale della Regione. ASSEMBLEA SOS IMPRESA - RETE PER LA LEGALITA'

    Protocollo LAZIO SENZA MAFIE

     

    CRIMINALITA’: ASSEMBLEA SOS IMPRESA-RETE PER LA LEGALITA’ - 2 Luglio 2015

    Siglato accordo Confesercenti Lazio e Agenzia delle Entrate Lazio

    Protocollo d'intesa

    La Confesercenti Regionale del Lazio ha sottoscritto un importante protocollo d'intesa con l'Agenzia delle Entrate del Lazio avente ad oggetto l'utilizzo delle migliori iniziative per...

  2. Diventa Imprenditore

     Diventa Imprenditore, crea una nuova azienda

    Con Confesercenti Roma utilizzando il Bando

    Start Up della Camera di Commercio, contributi

    fino a 2.500 euro per l'avvio di impresa

    Per informazioni contatta il C@t,...

Home Blog sezione Sondaggi Ricerca Confesercenti: abusivismo, un giro d'affari di 21,4 miliardi
Ricerca Confesercenti: abusivismo, un giro d'affari di 21,4 miliardi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 21 Settembre 2015 08:48

Abusivismo: giro d’affari di 21,4 miliardi, ogni anno persi 11.1 miliardi di euro

di gettito fiscale e contributivo

La ricerca Confesercenti Ref al Meeting di Perugia: 100mila irregolari solo nel commercio ambulante

Un giro d’affari di 21,4 miliardi di euro. E’ il fatturato generato dall’abusivismo,

secondo le stime elaborate da Confesercenti sul fenomeno nel commercio e nel turismo.

Un valore molto elevato, pari al 13,8% del fatturato dei due comporti. E che danneggia

non solo le imprese che operano nella legalità, ma anche lo Stato, causando un danno

erariale di 11,1 miliardi di euro in mancato gettito abusivi fiscale e contributivo. 

Se le attività abusive fossero azzerate, l’Erario recupererebbe abbastanza tasse non

solo per finanziare il taglio di Imu e Tasi sulla prima casa, ma anche il raddoppio della

platea di beneficiari del Bonus da 80 euro. Ci guadagnerebbe anche l’occupazione:

la regolarizzazione farebbe emergere 32mila posti di lavoro aggiuntivi.

Commercio al dettaglio, alloggio e ristorazione, ag. di viaggio e tour operator
Effetti economici delle attività abusive ed irregolari. Totale  
  V.A. Mln€ % su  
    fatturato  
       
Fatturato attività abusive                21.380 13,8%  
       
Mancato gettito fiscale e contributivo      
IVA                   2.993    
Accise                   3.700    
Altre imposte e contributi                   4.490    
Totale                11.183    
       
Addetti aggiuntivi derivanti da      
regolarizzazioni (v.a. migliaia di unità) 32.000    
       
Fonte: stime Confesercenti su indagine Confesercenti-Ref e Dipart. Finanze  

I principali effetti negativi legati alla concorrenza da parte delle attività non regolari riguardano la perdita di fatturato per chi opera nel rispetto delle regole. Per alcune categorie l’impatto economico è particolarmente sentito: è il caso ad esempio del commercio su aree pubbliche, dove la percentuale di operatori abusivi è piuttosto elevata.  Anche nell’ambito del turismo, il fatturato sottratto dalle attività irregolari agli imprenditori d’albergo e alle agenzie di viaggio è molto elevato.

Effetti economici delle attività abusive ed irregolari
Per alcuni comparti dei servizi  
Comparti Volume affari abusivi /mln €
   
Vendita al dettaglio tabacchi                   1.000
Vendita al dettaglio carburanti                   4.500
Vendita al dettaglio fiori                      400
Vendita al dettaglio abbigliamento e calzature                   3.200
Vendita al dettaglio prodotti alimentari                   2.000
Bar e ristorazione                   4.500
Esercizi ricettivi                   2.500
Commercio ambulante                   1.800
Ag. di viaggio, tour operator e guide turistiche                      780
Vendite online                      700
TOTALE                21.380
Fonte: stime Confesercenti su dati indagine Confesercenti-Ref
e Dipartimento Finanze  

Tra gli ambulanti 100mila irregolari, la maggior parte sono stranieri. Considerando la natura illecita del fenomeno, è difficile dare una quantificazione esatta dell’esercito di abusivi che opera in Italia. E’ però possibile, attraverso l’incrocio di banche dati istituzionali, stimare che in Italia sono in attività circa 100mila irregolari: imprenditori che registrano la propria impresa alla Camera di Commercio ma che poi svaniscono nell’ombra, senza versare un euro di tasse o contributi. Nei registri delle camere di commercio sono registrate 182mila imprese operanti nel commercio su area pubblica, ma solo 70mila hanno aderito agli studi di settore. Una percentuale che ci sembra troppo esigua: gli studi si applicano ad attività con un fatturato compreso tra i 30mila ed i 3 milioni di euro l’anno, e sembra improbabile che tutti e 110mila gli ambulanti che mancano all’appello abbiano fatturati inferiori (o superiori) ai limiti. Consistenza numerica simile (circa 96mila) per il gruppo di imprese che non ha mai versato un contributo all’INPS negli ultimi due anni. Dall’analisi di questi dati, emerge come la percentuale maggiore di irregolari sia straniera: le imprese ambulanti non italiane che risultano prive di versamenti sono circa l’83% (70.421) a fronte di un 26% delle imprese italiane (25.556). 

                              

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Settembre 2015 09:07
 

innova energia

logo new

export

Cerca nel sito

Newsletter



Acconsento al trattamento dei miei dati personali (dlgs. 196 del 30/Giugno/2003)

Accesso riservato ai soci

Dicembre 2017 Gennaio 2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Eventi in Programma

Non ci sono eventi in programma
Consulta il Calendario