Meeting Confesercenti: Vivoli, bene il Governo, ma la ripresa auspicata non c'è e permane incertezza Stampa
Scritto da Administrator   
Venerdì 16 Settembre 2016 12:20

vivoli meeting 2016

Il Presidente della Confesercenti, Vivoli: rafforzare la domanda interna per far ripartire la crescita e mettere al centro l'impresa diffusa

Pubblichiamo alcuni passi dell'intervento svolto dal Presidente nazionale della Confesercenti, Massimo Vivoli al Meeting della Confesercenti in svolgimento a Perugia

Bene l’azione del Governo, ma la ripresa non c’è

"l Governo con tenacia e determinazione ha avviato politiche espansive per il rilancio dell’economia. Riteniamo da questo punto di vista meritorio il ruolo svolto con l’Europa, una vera rivoluzione rispetto il passato. Ma la ripresa, registrata nel primo trimestre del 2015, non ha poi trovato continuità. I ritmi di crescita sono rimasti contenuti. Le attese sul PIL costantemente ridimensionate. Le previsioni degli economisti per gli anni a venire sono difformi e comunque sempre fra lo 0 e l’1%.

Le politiche di sostegno alla crescita adottate nell’ultimo biennio, il bonus di 80 euro, l’eliminazione dalla base imponibile IRAP del costo del lavoro, l’abolizione della tassa sulla prima casa, le agevolazioni contributive sui nuovi assunti, la rinuncia a nuovi aumenti dell’IVA, per quanto apprezzate, non sono state sufficienti a fungere da volano per una decisa ripresa".

 

Le regole Europee e l’instabilità bancaria determinano incertezza

"L’Europa continua ad avvitarsi nell’insipienza  delle proprie politiche: le nuove regole per la risoluzione della crisi bancaria ne sono un efficace esempio. L’instabilità bancaria è il ponte ideale che porta dai fattori di incertezza Europei a quelli italiani. Il fallimento di alcuni istituti di credito italiani, la crisi di MPS non hanno certo rassicurato imprese e risparmiatori".

 

Bene il turismo, ma restano le ombre di questo 2016

"Nonostante vada segnalata una stagione turistica tutta con segno più, i problemi del Comune di Roma e lo stesso non scontato esito del referendum costituzionale raffigurano con efficacia il clima di incertezza che, come un’ombra, ci sta accompagnando alla fine del 2016".

 

Ben vengano le novità economiche annunciate dal Governo per il 2017 e una raccomandazione: sostegno all’impresa diffusa

"Il taglio dell’IRES, il super ammortamento, la flat-tax per le imprese individuali, le agevolazioni fiscali per alberghi e ristoranti, la manovra per le pensioni, il superamento degli studi di settore. Ben vengano, buone nuove per noi.

Così come apprezziamo la riapertura della Sala Verde per le parti sociali. La ripresa del confronto con le parti sociali è una notizia ottima per il Paese: l’Italia ha bisogno di buona concertazione, è un valore aggiunto a cui non dobbiamo rinunciare.

Una raccomandazione, però, la debbo fare: il Governo metta finalmente al centro per la crescita del paese la valorizzazione ed il sostegno alle imprese diffuse. Fino ad ora le misure approvate dal governo per sostenere l’attività delle imprese hanno favorito principalmente le imprese di dimensioni medio-grandi".

La versione integrale pubblicata su confesercenti.it

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Settembre 2016 12:43